Il Labrador Retriever

Le caratteristiche

La testa deve essere proporzionata alle dimensioni del corpo. Il cranio è largo
con stop ben definito. La testa è ben modellata, asciutta, con guance poco carnose. Le mascelle sono di media lunghezza, poderose e non aguzze. Le orecchie non devono essere larghe nè pesanti: sono portate pendenti vicino alla testa e attaccate un pò arretrate.


Gli occhi sono di colore marrone o nocciola scuro, di media grandezza, con espressione buona e intelligente. La dentatura deve essere sana e completa, con chiusura degli incisivi a forbice: la parte interna degli incisivi superiori deve trovarsi a contatto con la parte esterna degli inferiori. Il collo deve essere forte, poderoso, ben raccordato alle spalle. La spalla è lunga e obliqua. Il torace è ampio e ben disceso, con costole ben arcuate (a botte). Gli arti inferiori devono avere una buona struttura ossea ed essere perfettamente diritti dal gomito al suolo. La linea dorsale deve essere solida e rettilinea.
I Labrador sono cani di taglia non troppo grande e muscolosi. I maschi hanno un’altezza di 60/62 cm ed un peso compreso tra i 31 e i 40 kg. Le femmine sono di norma diversi centimetri più basse (53/56 cm) e pesano dai 27 ai 34 chili. Le principali caratteristiche di questa razza, a parte il colore, sono il risultato di allevamento con obiettivo di riprodurre un perfetto retriever.

Il Carattere e il Temperamento

La caratteristica migliore del Labrador è il carattere. Socievole con tutti, ama stare con l’essere umano ed è contento quando può farlo e soprattuto quando può essere accondiscendente col proprio padrone. E’ adattabile, affettuoso, vivace e giocherellone anche fino alla maturità. Paziente e delicato soprattutto con i bambini più piccoli non conosce l’aggressività, per questo è considerato ormai il prototipo del cane da famiglia. Per queste sue caratteristiche è assolutamente sconsigliato come cane da guardia, nel remoto caso in cui lo sentirete abbaiare contro qualcuno sarà solo in senso protettivo, ma non vedrete mai un labrador mettere in fuga un ladro!

Particolarmente intelligente il labrador farà di tutto per capirvi e per assecondarvi, la sua voglia di obbedire al padrone lo rendono quindi un cane facilmente educabile. La sua estrema bontà e la sua indiscussa bellezza hanno fatto sì che negli anni divenisse una delle razze più diffuse e alla moda in Europa. Questo ha portato a due sostanziali problemi: primo la produzione in massa, che ha ridotto chiaramente i criteri di selezione e ha portato alla nascita di quelle che vengono chiamate le “fabbriche dei cuccioli” o “labrador cuccioli“, secondo la credenza popolare che il labrador essendo così docile e bonario sia allo stesso tempo un cane non impegnativo. Il labrador nonostante il suo carattere resta un cane, un cane “vero”: è pieno di vitalità, energico e ve lo farà sapere!

Il labrador ha bisogno di muoversi, soprattutto in considerazione del fatto che è un ‘buon mangiatore’, giocare e stare con voi. Chiuso da solo in un appartamento tutto il giorno diventerà un cane triste, annoiato, incapace di gestire la sua mole e la sua voglia di muoversi. Un labrador annoiato e solo può diventare distruttivo o tentare di fuggire per alleviare la noia e l’energia in eccesso.